Milleocchiali, al via il progetto franchising

22 Giu 2016
b2eyes-today-517e2a-w240
Tratto dall’Articolo di b2eyes.com

Oggi sono 24 i punti vendita con l’insegna del gruppo Folletto, 6 dei quali già con la forma dell’affiliazione: l’obiettivo della famiglia ottica romana è ampliare entro il 2016 questa rete, con aperture anche in Lombardia, Campania, Puglia e Sicilia.

« Il progetto franchising rappresenta il piano di sviluppo del gruppo, offendo agli ottici partner una serie di servizi che vanno dalla formazione al marketing, grazie a un’agenzia interna specializzata in quest’ultimo ambito

– Il nostro obiettivo non è entrare in competizione con le catene di ottica che già adottano la formula dell’affiliazione e puntano prevalentemente su prodotti di basso prezzo, bensì offrire qualcosa di diverso all’utente finale ».

Lo rivela Daniele Cutroni, responsabile delle strategie aziendali, da un anno nel gruppo Folletto e con un passato professionale in realtà dedite al franchising.

Tant’è che quella del franchising è solo la seconda parte di un’operazione più ampia, che ha già visto il debutto della Academy a firma della family chain capitolina.

«Oggi l’insegna vuole spostare il focus dalla mera vendita di prodotti a quella di servizi e protocolli d’intervento per soluzioni visive, a marchio Milleocchiali, con un approccio integrato e rivolto alle esigenze del consumatore finale – spiega Cutroni – Da qui il Master, che si è svolto alla fine di maggio, il primo di una serie di appuntamenti formativi previsti a Roma sino alla fine dell’anno, che avranno il loro culmine nel nostro congresso di novembre e proseguiranno in altre città italiane nel 2017».

La proposta di formazione di Milleocchiali, che si rivolge non solo agli imprenditori ottici partner del progetto franchising, ma anche a ottici indipendenti, prevede una parte dedicata all’attività ottica e optometrica e un’altra indirizzata al business.

«Vogliamo collocare al centro di tutto sia i clienti finali sia i collaboratori del punto vendita»

ricorda ancora Cutroni.

leggi l’articolo completo